Sommario della dottrina cristiana

di Louis Berkhof

(Edimburgh: The Banner of Truth Trust, 1974, traduzione di Paolo Castellina)


Proprio come, nel suo campo, la Systematic Theology di Louis Berkhof ha acquisito un ruolo prominente fra gli studi teologici, cosė il Sommario della Dottrina cristiana dello stesso autore č divenuto un'impareggiabile manuale di teologia scritto dal punto di vista riformato. Disposto sistematicamente e con utili suddivisioni, il Sommario della Dottrina cristiana si č comprovato ideale per gruppi di studio. Al termine di ogni capitolo sono riportati testi biblici pertinenti da imparare a memoria e domande per lo studio ulteriore.

Berkhof, Louis (1873-1957)

Uno dei maggiori teologi sistematici della Chiesa cristiana riformata (denominazione riformata americana d’origine olandese) e primo presidente del Calvin Seminary di Grand Rapids, Michigan (USA).

Nato ad Emmen, Olanda, Berkhof emigra con la sua famiglia a Grand Rapids nel 1882. È profondamente influenzato dalla tradizione riformata della Secessione dalla Chiesa Riformata olandese del 1834, come pure dal movimento neo-calvinista olandese di Abraham Kuyper. Si laurea nel 1900 al Calvin Theological Seminary ed accetta la chiamata ad essere pastore della Prima Chiesa Cristiana Riformata di Allendale (Michigan, USA). Nel 1902 frequenta l’Università di Princeton dove studia sotto B. B. Warfield e Geerhardus Vos. Dopo un breve pastorato a Grand Rapids, nel 1906 viene nominato membro della facoltà del Calvin Theological Seminary. Vi insegna teologia esegetica e NT fino al 1926. Si distingue nelle controversie teologiche contro il liberalismo di scuola schleiermacheriana e successivamente viene nominato professore di teologia sistematica. Ne assume poi la presidenza nel 1931 e vi insegna fino all’emeritazione nel 1944.

Uomo di molteplici talenti ed interessi, Berkhof affronta temi teologici controversi ed attuali, soprattutto riguardanti la chiesa e la società. Attivo durante il tormentoso periodo economico e sociale della Grande Depressione, Berkhof mette in evidenza l’importanza di conservare l’ortodossia nelle facoltà teologiche. Egli cerca di guidare la sua denominazione attraverso le controversie di quel periodo, in particolare contro l’iper-calvinismo di Hoeksema, che condurrà poi quest’ultimo a formare una nuova denominazione, la Chiesa Riformata Protestante.

Un altro fronte del suo interesse teologico è il progressivo distanziamento dalla neo-ortodossia di K. Barth, E. Brunner e R. Niebuhr. Come per C. Van Til, anche per Berkhof la neo-ortodossia è un neo-modernismo, una forma modificata di liberalismo. Insegnante di talento e autore prolifico, fra i 22 libri che pubblica, acquista notorietà internazionale con la sua Systematic Theology del 1941 su cui si formano intere generazioni di pastori evangelici. Considerata la sua impostazione didattica e la sua affidabilità, viene poi tradotta poi in molte lingue. Inizialmente preparata per i suoi studenti, l’opera diventa un libro di testo sia nella sua versione integrale, sia nel compendio che viene ristampato più di venti volte e di cui vengono vendute più di centomila copie. Non un pensatore originale, Berkhof, per la struttura e contenuto della sua teologia, dipende dal teologo olandese Herman Bavinck.
P.C.

Bibliografia

Fonti: Vicarious Atonement through Christ, Grand Rapids, Eerdmans 1936; Systematic Theology, Grand Rapids, Eerdmans 1941; Principles of Biblical Interpretation, Grand Rapids, Baker 1950; The Kingdom of God. The Development of the Idea of the Kingdom since the XVIII Century, Grand Rapids, Eerdmans 1951; Aspects of Liberalism, Grand Rapids, Eerdmans 1951;
Studi: F.H. KLOOSTER, “Louis Berkhof” in W.A. ELWELL (ed.), Handbook of Evangelical Theologians, Grand Rapids, Baker 1993, pp. 97-112; H. ZWAANSTRA, “Louis Berkhof” in D.F. WELLS (ed.), Reformed Theology in America, Grand Rapids, Eerdmans 1985, pp. 153-171.


Lo spazio Internet di Paolo Castellina